/ SPORT INVERNALI

SPORT INVERNALI | 26 aprile 2022, 15:00

LA GRANDE COURSE "Un’ultima epica fatica prima della pausa estiva"

Nonostante la primavera ormai alle porte il circuito di La Grande Course punta dritto al giro di boa

Foto Maurizio Torri

Foto Maurizio Torri

Dopo il felice esito di Altitoy Terna e Millet Tour du Rutor Extrême, questa settimana i riflettori saranno puntati sulla Patrouille des Glaciers, ultima grande classica di stagione che richiamerà ai nastri di partenza quasi 5000 scialpinisti tra amatori e top runner per una sfida che sa di leggenda: 57,5 km e 4.386 m d+.

Per il circuito di LGC giovedì più di 300 giovani leve saranno impegnati nella prova giovanile a Verbier su tracciati di differente lunghezza a seconda dell’età; nella notte tra il 29 aprile e il 30 di aprile sarà invece la volta della PDG nella sua versione “race” anche definita “Z2” con partenza da Zermatt e arrivo a Verbier. Una corsa quasi tutta by night; una ultra maratona alpina che vede come tempo da battere il 5h35’27” siglato nel 2018 dal terzetto del CS Esercito composto da Matteo Eydallin, Michele Boscacci e Robert Antonioli.

Una super performance, quella dei tre italiani che aveva letteralmente demolito il primato svizzero che resisteva dal 2010. Prima volta per Antonioli, la seconda per Eydallin e Boscacci che qui avevano già vinto nel 2014 al fianco di Damiano Lenzi.   Nella gara in rosa il tempo di riferimento è invece il 7h15’34”firmato, sempre nel 2018, da Jennifer Fiechter, Axelle Mollaret e Laetitia Roux.

Per quanto riguarda l’edizione 2022 che tornerà dopo lo stop forzato per pandemia di due anni fa, le squadre da battere saranno sempre Svizzera, Italia e Francia. I padroni di casa, come nel 2018 schiereranno Martin Anthamatten, Rémi Bonnet e Werner Marti. Gli italiani hanno invece sostituito nel terzetto dei record Robert Antonioli con Davide Magnini, confermando invece Boscacci e Eydallin.

I transalpini proporranno invece gli esperti William Bon Mardion e Xavier Gachet con il giovane Samuel Equy. Ruolo di outsider per gli italiani Filippo Beccari e Martin Stofner, vincitori dell’Altitoy, che per l’occasione correranno con l’azzurro Alex Oberbacher.   Apertissima la sfida in rosa dove spiccano le debuttanti Alba De Silvestro, Giulia Murada, Ilaria Veronese e le più esperte Katia Tomatis, Elena Nicolini, Victoria Kreuzer. Da tenere in seria considerazione anche le svizzere Severine Pont Combe, Jennifer Fiechter e Ilona Chavillaz.

Molto competitiva anche la squadra composta da Lorna Bonnel, Candice Bonnel e Marianna Jagercikova.   

veyl

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore