/ ATLETICA

ATLETICA | 26 giugno 2020, 17:53

L'atletica valdostana pronta per la ripartenza post Covid

Si riapre, seppur con tutte le prudenze del caso, l’attività agonistica dell’atletica leggera nazionale e valdostana

Jean Dondeynaz

Jean Dondeynaz

Il Comitato Fidal Valle d’Aosta, guidato da Jean Dondeynaz, nella  sua ultima riunione ha previsto la ripartenza, prevedendo quattro meeting regionali, dalla  categoria Allievi a salire, programmati per il mese di luglio, tre previsti nel rinnovato impianto del Crestella di Donnas e uno al Tesolin di Aosta.

In regione, domenica 23 febbraio, il calendario sportivo è andato incontro ad uno stop  repentino, quando il programma prevedeva, al palaindoor di Aosta, i campionati regionali  Master indoor, manifestazione open che prevedeva la partecipazione di atleti provenienti  da fuori Valle.

L’emergenza sanitaria collegata al Covid-19 ha chiuso ogni attività, gare e  allenamenti per il lungo periodo collegato alla “quarantena”, e solo dal 4 maggio gli atleti di  interesse nazionale, quelli in possesso del minimo di partecipazione per i campionati  nazionali, hanno potuto tornare a preparare una stagione piena di incognite. Poi a fine  maggio si è allargata la platea, permettendo il ritorno agli allenamenti degli atleti più  grandi, mentre le categorie giovanili sono tornate a ritrovarsi solo da qualche giorno.

Saltate a piè pari le gare primaverili la pista torna protagonista a partire da domenica 5  luglio, quando al Crestella di Donnas, a partire dalle ore 18,00, il movimento dell’atletica  valdostana tornerà all’attività. Le riunioni, nell’impianto di fondo valle, sono previste anche  domenica 12 e sabato 18 luglio.

Sabato 25 luglio, l’appuntamento con il quarto meeting in  Valle d’Aosta, è invece programmato al Tesolin di Aosta.  Per ogni meeting, gli atleti potranno iscriversi, ad un massimo di due gare e, rispondendo  a quelle che sono le disposizioni governative, spogliatoi e docce non saranno accessibili.

Gli ultimi protocolli per l’attività agonistica emanati dalla Federazione Italiana di Atletica  Leggera hanno permesso l’inserimento di alcune specialità prima escluse e questo determinerà qualche possibile aggiunta nel programma tecnico, per ora in bozza,  approvato dal Comitato regionale.

red. pi.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore