ALTRI SPORT | martedì 17 settembre 2019 06:39

ALTRI SPORT | 28 maggio 2019, 13:56

Arti marziali: Con Martine Michieletto la Valle sul tetto del mondo

La lettura del verdetto con Martine Michieletto e l'assessore Laurent Viérin sul ring

La lettura del verdetto con Martine Michieletto e l'assessore Laurent Viérin sul ring

Il quinto titolo mondiale in carriera in cinque anni. Martine Michieletto porta a 13 la serie di vittorie consecutive, ma quella ottenuta sabato nella venticinquesima edizione di Oktagon ha il sapore speciale.

La campionessa del Fighting Club Valle d'Aosta ha sconfitto con verdetto a maggioranza, Veronica Vernocchi in un match infuocato dalla prima ripresa in cui ha difeso la cintura iridata Iska di kickboxing K1. Le due atlete, in uno degli incontri più attesi della serata, hanno infiammato la Candy Arena nel corso di cinque riprese in cui sono riuscite a scambiarsi un gran numero di colpi. Entrambe sono arrivate esauste alla campanella finale con Michieltto sanguinante al naso per un pugno incassato dalla rivale mentre Vernocchi, dalla sua, ha terminato con un vistoso taglio all'occhio provocato da una ginocchiata della pluricampionessa di Donnas.

“E' stata in assoluto uno dei match più difficili della mia carriera – ha commentato Michieletto subito dopo la conclusione dell'incontro -. Sapevo che sarebbe stata dura battere Vernocchi e che avrebbe fatto di tutto per prendersi la cintura. Ci siamo scambiate un gran numero di colpi, ma alla fine sono riuscita a vincere. Non è stato semplice tenerla a bada poiché ha provato più volte a prendere l'iniziativa mentre io sono andata sempre a punti sia con il pugilato, che con le gambe ed anche con le ginocchiate. Dalla preparazione al match le energie spese sono state tante, ora mi prenderò qualche settimana di relax”.

A Monza anche il ruolo all'angolo il maestro Manuel Bethaz è stato determinante: “Ci aspettavamo un combattimento di questa portata sapendo di trovarci davanti una Vernocchi molto determinata e che poteva contare sulla sua esperienza. Ma Martine è stata brava perché ha limitato le sue azioni offensive, prevalentemente di solo pugilato, ed ha portato a segno un gran numero di colpi con diverse tecniche. Rivedendo le riprese ho avuto conferma della supremazia di Martine come anche i giudici di gara hanno confermato con il loro verdetto a maggioranza”.

A Monza Michieletto ha conquistato il suo quinto titolo in carriera di fronte ai numerosi valdostani presenti fra il pubblico ed è stata premiata sul ring dall'assessore regionale allo Sport, Turismo, Commercio e Beni Culturali Laurent Viérin che le ha cinto in vita la cintura mondiale Iska. Quella di Oktagon è stata una bella vetrina anche per la Valle d'Aosta divenuta in questa edizione uno dei partner principali della rassegna più importante d'Europa per gli sport da combattimento.

info FCVdA

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore