/ CALCIO

CALCIO | 20 maggio 2020, 11:34

Il calcio decide il suo futuro: la Figc convoca il Consiglio

PRUDENZA IL CORONAVIRUS E' IN AGGUATO - Appuntamento alle 12 di oggi, mercoledì 20 maggio. Lo scoglio sono le linee guida

Il calcio decide il suo futuro: la Figc convoca il Consiglio

Va in scena oggi l’ennesima giornata fondamentale (?) per la ripartenza, o meno, dei campionati di calcio. Alle 12 è infatti convocato il Consiglio Federale della FIGC: tra gli argomenti all’ordine del giorno, le “determinazioni in ordine alle modalità di conclusione dei campionati stagione sportiva 2019/2020″.

Un momento che potrebbe sboccare o complicare ulteriormente la ripresa dei campionati di Serie A e B: nelle scorse ore, la Federazione (a poche ora dall’annuncio dato dal ministro Spadafora in cui lo stesso rappresentante del Governo sosteneva di aver “ricevuto una lettera del presidente federale Gravina, in cui mi ha reso noto che la Figc ha accolto tutte osservazioni del Comitato Tecnico Scientifico”), la Lega Calcio e la commissione medica si riuniranno dopo aver stilato un nuovo protocollo, nuove linee guida, che prevedono niente ritiro, niente distanziamento minimo fra giocatori, niente quarantena per i compagni di squadra del calciatore risultato eventualmente positivo al Coronavirus, e niente responsabilità penale per il medico sociale della squadra. Resta difficile da immaginare come il Comitato Tecnico Scientifico – cui spetta di esaminare le nuove proposte - possa venire meno almeno ai primi tre di punti appena elencati senza perdere credibilità.

La data per l’eventuale ripartenza potrebbe già essere slittata al 20 giugno,  ma ogni giorno che passa in questo clima d’incertezza altro non fa che allungare ulteriormente il giorno in cui si tornerà a giocare a porte chiuse. Perchè nessuno, sembra di capire, vuole prendersi la responsabilità di dichiarare chiuso anzitempo il campionato in corso.

walter alberto - torinosportiva.it

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore