/ BOCCE

BOCCE | 28 giugno 2020, 14:49

Bocce: Dalla corsia alla vita; i valori dello sport delle bocce con Gabriele Graziano

E' il gioiellino del Gaglianico, sotto le cui insegne ha disputato due final four del massimo campionato del volo, ed è in attesa di consumare le ultime due giornate di qualifica per sapere se potrà disputare ancora la terza semifinale, Pontese permettendo

Graziano in versione mondiale

Graziano in versione mondiale

Il grande pubblico ebbe modo di conoscerlo ad Alassio in occasione dell'edizione 2016 della Targa d'Oro, quando, in compagnia di Riccardo Marzanati, iscrisse il nome del vercellese Jolly Club di Buronzo nell'albo d'oro della Targa Junior, e di apprezzarne le qualità tecniche allorchè mise in bacheca il secondo e terzo trofeo, nuovamente con Marzanati e nel 2018 con il fratello Edoardo.  Lui è Gabriele Graziano, vent'anni festeggiati il 10 febbraio scorso, ex teenager rampante del barnum boccistico, due ori mondiali, a coppie e tiro di precisione, un argento individuale e due titoli italiani (individuale e combinato).

All'età di cui di solito la mente è un frullato di sogni e speranze di cartapesta, lui, col suo certificato di garanzia boccistico ed un diploma di tecnico agrario, coltiva un passatempo particolare. Alleva mucche. A Mongrando, sulle colline del Biellese, dove risiede con i genitori Gianfranco e Monica e il fratello Edoardo.

Graziano con un vitellino

“E' una passione – dice Gabriele – che mi ha trasmesso nonno Ilario, mancato dodici anni fa. Me ne occupavo già quando c'era lui. Ora ne ho 6. Sono mucche biellesi sia da latte che da carne. Ingrassiamo i vitelli e quel poco di latte lo usiamo per fare formaggi. E' un hobby. Lavorare nella stalla è distensivo. Mio padre mi da una mano“.

Mungere le mucche non è come affrontare un campionato del mondo, ma Gabriele, che misura gesti e aggettivi, non spendendo troppe parole, coniuga le due passioni allo stesso modo. E sa essere protagonista di una personalità agonistica di risalto che lo espone più di quanto non tenda a defilarlo il suo carattere alieno dalla chiassosità, specie quando cura le sue mucche. In attesa di un nuovo lavoro – attualmente fa il cantoniere comunale – sui campetti nel cortile dietro casa, con il fratello Edoardo cerca di mantenere vivo il contatto con l'attrezzo boccia .Perchè ai polsi ci pensa il forcone per pulire la stalla.

red.spr.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore