/ SPORT INTEGRATO

SPORT INTEGRATO | 23 ottobre 2021, 12:57

WHEELCHAIR CURLING Mondiali Gruppo A: partenza fulminante dell'Italia

Egidio Marchese (Disval) trascina gli azzurri. Dopo nove anni di assenza nella massima competizione iridata, i ragazzi di Roberto Maino hanno aperto il torneo sul ghiaccio cinese con una grande prova di carattere, battendo la Svizzera all’extra end per 7-5

Egidio Marchese in azione contro la Svizzera. Grinta e determinazione hanno messo sotto i rossocrociati. A sinistra Paolo Ioriatti e dietro Matteo Ronzani

Egidio Marchese in azione contro la Svizzera. Grinta e determinazione hanno messo sotto i rossocrociati. A sinistra Paolo Ioriatti e dietro Matteo Ronzani

Partenza complicata per gli azzurri, sotto per 0-4 dopo i primi quattro end, ma capaci di reagire nel quinto parziale infilando ben 3 punti. Angela Menardi e compagni hanno poi conquistato un punto per ciascuno dei due end successivi, passando al comando (5-4), prima del pareggio rossocrociato nell’ottavo. Si decide tutto all’extra end con l’Italia che conquista il successo e guarda con fiducia ai prossimi giorni.

È stata una partita sofferta, ma dovevamo rifarci dell’ultimo incontro di Lohja – commenta il tecnico azzurro Roberto Maino -. Siamo partiti un po’ timorosi, ma sempre fiduciosi. Alla fine siamo riusciti a spuntarla e siamo contentissimi di essere partiti con una vittoria“.

Molto soddisfatto anche il responsabile di settore, Giuseppe Antonucci: “La Svizzera è una delle formazioni più quotate nel wheelchair curling e ogni anno la incontriamo in alcuni tornei internazionali di altissimo livello. Batterla all’esordio dopo nove anni di assenza dai Mondiali del Gruppo A è davvero un ottimo viatico, che ripaga dei tantissimi sforzi impiegati dalla squadra, dallo staff e dalla Federazione per arrivare nel migliore dei modi a questo appuntamento. Siamo solo all’inizio e il difficile viene adesso nel confermarsi nei prossimi giorni per sognare qualcosa che fino a qualche mese fa sembrava molto lontano“.

Per tornare alla Paralimpiade dopo undici anni (Vancouver 2010 la seconda e ultima partecipazione azzurra nella storia), gli azzurri devono arrivare almeno in semifinale, ovvero chiudere tra le prime quattro della manifestazione. I ragazzi di Maino torneranno sul ghiaccio domani alle 3.05 (ora italiana) contro la Scozia e alle 13.05 contro la Svezia. Doppio impegno anche per lunedì 25 con Stati Uniti (ore 8.05) e Norvegia (ore 13.05), così come martedì 26 con Corea del Sud (ore 8.05) e Slovacchia (ore 13.05), mercoledì 27 con i padroni di casa della Cina (ore 3.05) e Russia (ore 8.05) e giovedì 28 con Lettonia (ore 3.05) e Canada (ore 13.05).

Le prime due squadre del round robin si qualificheranno automaticamente alle semifinali di venerdì 29, mentre le formazioni classificate tra il terzo e il sesto posto nel girone all’italiana si affronteranno per guadagnarsi gli altri due posti. Le finali per l’oro e per il bronzo sono in programma per sabato 30 ottobre.

ascova

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore