/ VARIE&CURIOSITÀ

VARIE&CURIOSITÀ | 30 ottobre 2020, 18:13

Sport e Covid, Uisp 'no ai furbetti dello sport, si rispettino le regole'

Massimo Verduci

Massimo Verduci

La Uisp valdostana si unisce al grido d’allarme lanciato dal Presidente nazionale, Vincenzo Manco, contro i 'furbetti del Dpcm'. “Stiamo assistendo in queste ore a comunicati e dichiarazioni - si legge in una nota di Massimo Verduci, presidente Uisp VdA - da parte di Federazioni Sportive Nazionali, che stanno predisponendo norme per eludere le disposizioni del DPCM del 24 ottobre, a cui si susseguono tamtam frenetici che aggiungono confusione, aumentano l’agitazione e generano timori e rabbia. Chi rispetta le regole non può essere umiliato“.

Ricordando l'iniziativa del Celva che aveva prontamente chiarito alcuni passaggi del Dpcm fondamentali per i sindaci, Verduci chiede una nota di chiarimento anche per lo sport valdostano, e soprattutto chiede al Coni spiegazioni su chi siano gli “atleti di interesse nazionale” a cui è concesso di praticare sport e agli assessorati competenti "se è possibile utilizzare le palestre scolastiche fuori dall’orario curriculare.

“Il diritto allo sport di base e per tutti lo si difende rispettando le norme -  insiste Verduci - e nello stesso tempo rivendicando la pari dignità e le pari opportunità con gli altri comparti produttivi, come la UISP Nazionale ha sottolineato in questi giorni e in queste ore”.

E conclude: “Ribadiamo la necessità di predisporre ingenti risorse per sostenere il diritto allo sport e chiamiamo le autorità competenti non solo a vigilare ma ad intervenire pesantemente con sanzioni in merito. Non ci stiamo alla gara sull’elusione delle regole, la Uisp vuole giocare pulito: è il nostro patto etico con le nostre Asd, Ssd, con i nostri soci e con il Paese”.

red. spr.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore