/ SPORT INTEGRATO

SPORT INTEGRATO | 16 aprile 2020, 16:19

Onlus Insuperabili crea "Virtual cup"

RESTIAMO A CASA - Competizioni virtuali in questo periodo di Coronavirus per alcuni sport, dove è la solidarietà a vincere sempre. Paola Gianotti, ultracycler italiana di Ivrea, dal 2014 nel Guinness World Record per il giro del mondo in bici con 29.430 chilometri in 144 giorni, è pronta a una nuova sfida solidale: pedalare sula bici ferma in casa per 12 ore consecutive, con l'obiettivo di raccogliere fondi per un reparto di terapia intensiva.

Onlus Insuperabili crea "Virtual cup"

E così, anche gli Insuperabili si sono attivati per il proprio campionato: la Onlus, che dal 2012 permette ai ragazzi affetti da disabilità di giocare a pallone, ha inaugurato la "Insuperabili Virtual Cup".

Esercizi e prove di abilità motorie, tecniche e skills da fare rigorosamente a casa daranno punti e, al termine dell'emergenza, verrà assegnato lo stendardo tricolore alla Academy che ne uscirà vincitrice. Un campionato che coinvolgerà praticamente tutta Italia, da nord a sud, perché le scuole calcio Insuperabili sono 17 sull'intero territorio nazionale.
Ogni domenica scenderanno in campo anche i Testimonial, i giocatori di serie A che hanno aderito al progetto (Chiellini e Buffon per la Juventus, Baselli, De Silvestri e Izzo per il Torino, per le due squadre torinesi), pronti a darsi battaglia anche tra di loro. Un altro modo per restare uniti, anche se distanti.

Intanto Paola Gianotti, ultracycler italiana di Ivrea, dal 2014 nel Guinness World Record per il giro del mondo in bici con 29.430 chilometri in 144 giorni, è pronta a una nuova sfida solidale: pedalare sula bici ferma in casa per 12 ore consecutive, con l'obiettivo di raccogliere fondi per un reparto di terapia intensiva.
L'iniziativa si terrà il prossimo 18 aprile quando la ciclista inizierà a pedalare per tentare di percorrere 350 chilometri in 12 ore. L'intero evento sarà in diretta sul suo canale ufficiale Facebook e sulla piattaforma Zwift, dove sarà possibile effettuare le donazioni. “C'è tantissima necessità di reperire fondi per gli ospedali e per la terapia intensiva - spiega Paola Gianotti - e voglio fare questa pedalata per raccoglierne il più possibile”.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore