/ SPORT INTEGRATO

SPORT INTEGRATO | 18 novembre 2019, 21:00

Scherma paralimpica: trionfo Bebe Vio in Coppa del Mondo. L'Italia chiude con cinque medaglie

Paolucci Vio Mogos

Paolucci Vio Mogos

Una conferma, un ritorno e una novità. La conferma è quella di Beatrice "Bebe" Vio che continua ad inanellare successi, mettendo in bacheca anche la tappa olandese. La campionessa paralimpionica e iridata ha infatti vinto la gara di fioretto femminile categoria B nella Coppa del Mondo di Amsterdam, grazie al 15-4 inflitto in finale alla cinese Zhou Jingjing, che ha seguito il 15-4 piazzato in semifinale alla russa Irina Mishurova.

Con l'identico punteggio, l'azzurra aveva vinto il match dei quarti di finale contro l'altra cinese Kang Su, mentre agli ottavi aveva avuto ragione dell'ungherese Boglarka Mezo per 15-3.  Il ritorno sul podio è invece quello di Andrea Mogos. L'azzurra si riconferma tra le protagoniste della scena internazionale del fioretto femminile categoria A grazie ad una gara interrottasi solo in semifinale dove è giunta la sconfitta per 15-4 contro l'ucraina Nataliia Morkvych. Stop invece nel turno delle 16 per Loredana Trigilia, fermata sul 15-8 dalla russa Evgeniya Sycheva.

La novità è rappresentata da Gianmarco Paolucci che conquista il terzo posto sul podio nella gara di sciabola maschile categoria B. Il frascatano, dopo le vittorie contro il sudcoreano Chunhuee Park per 15-11 e poi contro il francese Laurent Vadon per 15-12, è stato fermato in semifinale dall'ungherese Istvan Trajanyi solo in virtù della stoccata decisiva del 15-14.

La Coppa del Mondo si è aperta con la vittoria di Rossana Pasquino nella sciabola femminile di categoria B.

L'azzurra, ricercatrice universitaria all'Università Federico II di Napoli, dopo il bronzo individuale conquistato ai Mondiali di Cheongju lo scorso mese di settembre, si impone tra le sciabolatrici, grazie ad una gara da applausi. La finale ha visto la sciabolatrice napoletana superare con un netto 15-7 la cinese Shumei Tan, dando continuità ai successi, sempre con punteggi perentori, giunti in semifinale contro l'ucraina Olena Fedota (15-9) e ai quarti contro la temibile ed esperta thailandese Saysunee Jana (15-12).

Proprio la portacolori thailandese aveva fermato l'avanzata dell'altra azzurra, Bebe Vio, alla sua seconda uscita nella sciabola, superandola col punteggio di 15-10.  L'Italia conclude la quattro giorni olandese con il terzo posto nella gara a squadre di fioretto maschile. Matteo Betti, Emanuele Lambertini e Marco Cima, dopo aver sconfitto per 45-27 la Francia nel match dei quarti di finale, sono stati sconfitti 45-19 nell'assalto di semifinale contro la Cina.

Nell'assalto per il terzo posto, gli azzurri hanno però tirato fuori tutta la voglia di conquistare il podio, superando la Polonia col punteggio di 45-39.

red. spr.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore