CALCIO TAVOLO | martedì 12 novembre 2019 01:27

CALCIO TAVOLO | 02 ottobre 2019, 08:09

Calcio Tavolo:L'Asd Aosta con Filippo Filippella trionfa al Genova Challenge

Calcio Tavolo:L'Asd Aosta con Filippo Filippella trionfa al Genova Challenge

A meno di un mese dall’inizio della stagione agonistica 2019-2020 del Calcio Tavolo/Subbuteo arriva il primo successo di prestigio per l’ASD Calcio Tavolo Aosta. Uno strepitoso Filippo Filippella si aggiudica la 1° Tappa del Grand Slam 2019-2020 Categoria Subbuteo in occasione del Torneo “Genova Challenge 2019” organizzato presso le sale del Tower Genova Airport Hotel & Conference Center nel capoluogo della riviera ligure in quest’ultimo fine settimana.

L’ASD Calcio Tavolo Aosta era impegnata sia nella manifestazione a Squadre che in quella Individuale con i seguenti giocatori: Paolo Ciboldi (foto a lato con Filippo Filippella), Filippo Filippella, Marco Perotti, Alessandro Rolle e Francesco Zolfanelli. Nel corso della giornata di Sabato 28 Settembre andava in scena il Torneo a Squadre, con i rossoneri del presidente Orlando Navarra, guidati dal capitano Filippo Filippella, che si presentavano in formazione d’emergenza viste le assenze di giocatori importanti quali Giovanni Navarra e Riccardo Rabacchin.

Le fasi di qualificazione ponevano l’ASD Calcio Tavolo Aosta in un girone molto difficile composto dal CCT Roma, dal Pierce 14 Casale Monferrato e dall’Eagles Supporter Lazio. Già il primo incontro, quello sulla carta più facile, diventava subito problematico, con gli aostani in svantaggio per 1-2 nel corso della prima frazione di gioco. Filippo Filippella, che si era tenuto in riserva, subentrava nella ripresa a Francesco Zolfanelli (in svantaggio per 0-1) e ribaltava l’incontro contro Riccardo Galieti dando il punto decisivo per la vittoria.

Al risultato di 4-1 di Filippo Filippella su Riccardo Galieti, si aggiungeva il 4-1 di Marco Perotti su Roberto Torini, il pareggio per 0-0 di Paolo Ciboldi contro Manlio Mochi e la sconfitta di Alessandro Rolle per 0-1 con Ernesto Poncetta, che, complessivamente, consentivano all’ASD Calcio Tavolo Aosta, di aggiudicarsi l’incontro con il risultato di 2-1.

Nella seconda gara, opposti al Pierce 14 Casale Monferrato, i valdostani incappavano in una sconfitta che comprometteva il passaggio del turno. Filippo Filippella veniva battuto da Alessandro Amatelli per 3-5, così come Francesco Zolfanelli da Andrea Dorato per 2-4 e Marco Perotti per 1-3 da Paolo Zambello. Ininfluente la vittoria di Paolo Ciboldi (subentrato ad Alessandro Rolle sullo 0-0) per 3-0 su Alex Incorvaia.

Il risultato di 1-3 a favore dei nerostellati condannava l’ASD Calcio Tavolo Aosta a dover vincere l’incontro con il CCT Roma. Nel terzo incontro, decisivo per il passaggio al Tabellone Master e con l’obbligo della vittoria come unico risultato utile, i rossoneri giravano a vuoto e venivano sconfitti per 0-3. Inutile il pareggio di Filippo Filippella (che subentrato a Marco Perotti in svantaggio per 0-2 contro Enrico Rocchetti) recuperava due reti ad Antonello Rodriguez sul 2-2 rendendo meno amara la sconfitta materializzata in virtù delle sconfitte di Paolo Ciboldi per 0-5 contro Roberto Mazzucchi, di Alessandro Rolle per 1-4 contro Maurizio Presutti e di Francesco Zolfanelli per 0-2 contro Marco Nicastro.

Nel Tabellone Cadetti, l’ASD Calcio Tavolo Aosta, affrontava nei Quarti di Finale il SC Old Lions Macerata. Stavolta era Filippo Filippella che non riusciva a compiere il suo dovere, dopo essere subentrato a Francesco Zolfanelli (che stava subendo per 0-1) contro Juri Di Tullio. Il capitano rossonero si faceva bloccare dall’avversario e non riusciva a realizzare una rete che avrebbe permesso agli aostani almeno di andare al sudden death.

Viceversa l’incontro restava inchiodato sullo 0-1 in favore di Di Tullio, che consentiva, insieme al punto di Vittorio De Pascale (che sconfiggeva 4-0 Alessandro Rolle) ed al pareggio di Andrea Senesi per 1-1 con Paolo Ciboldi, di aggiudicarsi l’incontro per 2-1 sugli aostani estromettendoli anche dal Tabellone Cadetti.

Ininfluente la vittoria di Marco Perotti per 4-0 su Massimo Garbuglia. Il Tabellone Master lo conquistava il SC Sombrero San Miniato che superava in Finale il ACS Perugia 1974, mentre il Tabellone Cadetti era appannaggio del SC Fortitudo Genova che aveva la meglio in Finale sul SC Old Lions Macerata. Nella giornata di Domenica 29 Settembre, i giocatori rossoneri disputavano il Torneo Individuale.

Filippo Filippella, Paolo Ciboldi, Francesco Zolfanelli, Marco Perotti ed Alessandro Rolle, si presentavano ai nastri di partenza per cercare di cancellare la delusione del Torneo a Squadre disputato al Sabato e di migliorare decisamente il loro rendimento di gioco. Al termine delle fasi eliminatorie per l’accesso al Tabellone Master si qualificavano tre dei cinque rossoneri, mentre gli altri due andavano nel Tabellone Cadetti.

Filippo Filippella non aveva problemi ad aggiudicarsi il suo girone sconfiggendo per 6-0 Manlio Mochi (SC Eagles Supporter Lazio), per 4-0 Sandro Sani (SC Sombrero San Miniato) e per 6-0 Alessandro Girelli (Sc Verona); Paolo Ciboldi che pareggiava per 2-2 contro Roberto Mazzucchi (CCT Roma), superava per 6-3 Massimo Nativo (SC Marassi Genova) e pareggiava per 1-1 contro Livio Cerullo (SC Sombrero San Miniato) terminando al secondo posto nel girone; passava secondo anche Marco Perotti che sconfiggeva per 5-3 Carlo Beretta (SC Fortitudo Genova) e per 4-1 Simone Buzzo (SC Marassi Genova) ma era sconfitto per 1-4 da Giuseppe Ogno (ACS Perugia 1974).

Al contrario non accedevano al Tabellone Master, Alessandro Rolle che dopo la sconfitta per 2-3 su Federico Milan (Subbuteo Verona), pareggiava per 0-0 contro Flavio Lombardi (SC Livorno) ed ancora per 1-1 contro Fabio Pasquini (SC Castelfiorentino), e Francesco Zolfanelli che incassava tre sconfitte per 1-3 contro Nico Lucchesi (SC Sombrero San Miniato), per 0-1 contro Ettore Molino (SC Savona) e per 0-6 contro Giancarlo Riva (SC Marassi Genova).

Nei Sedicesimi di Finale del Tabellone Cadetti, Franesco Zolfanelli veniva eliminato da Roberto Mazzucchi (CCT Roma) che si imponeva per 0-2 ma solo sul finire di gara, mentre Alessandro Rolle, pur soffrendo, riusciva a battere Juri Di Tullio (SC Old Lions Macerata) con il punteggio di 2-1. Nei Sedicesimi di Finale del Tabellone Master, Marco Perotti si trovava opposto alla testa di serie n° 1 del Torneo Stefano Evangelisti (ACS Perugia 1974) ed il match terminava in goleada per il perugino che vinceva con il punteggio di 2-7.

Filippo Filippella, pur dominando l’incontro, doveva sudare sette camicie per avere la meglio su Domenico Tassone (US Catanzaro), sconfitto con il punteggio di 3-2. Mentre Paolo Ciboldi, nonostante una buona gara, doveva arrendersi a Nico Lucchesi (SC Sombrero San Miniato) per 1-3. Negli Ottavi di Finale del Tabellone Cadetti, finiva il torneo anche per Alessandro Rolle che subiva un netto 0-4 da Luca Parodi (SC Marassi Genova). Troppi spazi concessi all’avversario, che finalizzava tutte le occasioni create e con due reti per tempo faceva suo l’incontro.

Negli Ottavi di Finale del Tabellone Master, Filippo Filippella aveva la meglio su Christian Canessa (SC Marassi Genova) per 4-2. Spettacolari giocate dell’aostano che annichiliva l’avversario in pochi minuti e terminava il primo tempo già in vantaggio per 3-0. Nella ripresa timida reazione del genovese che accorciava le distanze, ma subito Filippella metteva a segno la rete del 4-1 ristabilendo le distanze. Sul finire di tempo la seconda rete di Canessa che fissava il risultato sul 4-2. Nei Quarti di Finale del Tabellone Master, Filippo Filippella se la doveva vedere con Claudio Colpani (SC Papata Group Monticino), fresco dall’aver eliminato nel turno precedente uno dei favoriti alla vittoria finale, il genovese Enrico Frisone. Filippo Filippella come un rullo compressore, stendeva l’avversario in poco meno di metà tempo. 3-0 per l’aostano, che non rallentava i ritmi di gioco e costringeva il toscano a difendersi in continuazione.

Sul finire di tempo, nell’unica occasione concessa, Colpani accorciava le distanze. Il primo tempo si chiudeva sul 3-1 per il rossonero. Nella ripresa, Colpani provava a recuperare, ma non riusciva più ad arrivare al tiro, viceversa Filippella non infieriva in contropiede e l’incontro non terminava in goleada. Al termine il 3-1 finale lanciava l’aostano in Semifinale.

Nelle Semifinali del Tabellone Master, Filippo Filippella, affrontava Giuseppe Ogno (ACS Perugia 1974), testa di serie n° 2 del Torneo e vincitore più volte sia dei Campionati Italiani Individuali che della Coppa Italia Individuale Categoria Subbuteo. Gara spettacolare tra giocatori propensi all’attacco. Filippo Filippella in vantaggio alla prima azione di gioco con un’azione sulla fascia, costringeva Ogno ad inseguire sin dall’inizio. Il sardo, che veste la maglia del grifone, riusciva a pareggiare a metà tempo, ma bastava poco e Filippella andava di nuovo in vantaggio. Sul finire del primo tempo, ancora Ogno riacciuffava il pareggio.

Il primo tempo si concludeva sul 2-2. Nella ripresa Filippella chiudeva molto bene le folate avversarie ed era pericoloso in fase offensiva. Su una delle azioni di sfondamento, l’aostano andava al tiro con la palla che si impennava e nel ricadere colpiva il braccio dell’avversario in area di rigore, non consentendo alla palla di entrare in rete. L’arbitro decretava il calcio di rigore che Filippella trasformava portandosi nuovamente in vantaggio.

L’incontro seguiva lo stesso clichè con Ogno alla ricerca del pareggio e Filippella che controllava le folate offensive dell’avversario. A metà della ripresa arrivava il nuovo pareggio del perugino, ma durava poco. Ancora Filippella con una giocata straordinaria, agganciava una palla persa in mezzo alla difesa avversaria e la tagliava di quel poco che serviva a posizionarla in area di tiro. Nonostante avesse un solo giocatore al tiro in posizione distante (poco entro la metà campo avversaria), l’aostano scagliava un colpo di precisione millimetrica che colpiva la sfera e la insaccava nell’angolo alla sinistra del portiere avversario.

Una rete tanto spettacolare quando complicata da realizzare che scatenava l’applauso scrosciante di tutti il pubblico presente ad assistere la Semifinale. Il 4-3, a poco dal termine, demoralizzava Ogno che freneticamente cercava di riagguantare l’ennesimo pareggio, ma il tempo trascorreva inesorabile e con esso anche la lucidità del perugino. Il fischio finale decretava la vittoria per 4-3 di Filippo Filippella che si guadagnava l’accesso alla Finale per la prima volta in un Torneo del Grand Slam. In Finale del Tabellone Master, Filippo Filippella trovava a contendersi il titolo Alessandro Subazzoli (SC Sombrero San Miniato), che, con un eccellente torneo e contro il pronostico, si era guadagnato la Finale eliminando avversari di prestigio uno dietro l’altro. Ancora una grande prestazione dell’aostano nel match di Finale.

Dopo una prima fase di studio, Filippella trovava la rete del vantaggio con una strepitosa azione sulla fascia destra ed un tiro a pallonetto quasi dalla linea di fondo. Subazzoli provava ad attaccare ed aveva anche l’azione buona per il pareggio, su un aggancio d’effetto contestato, da posizione centrale, tirava alle stelle. Filippella controllava la gara e sul finire del tempo con un’azione in velocità realizzava la rete del raddoppio che chiudeva la prima frazione sul 2-0 per l’aostano. Nella ripresa Subazzoli cercava il pareggio, ma trovava la difesa di Filippella sempre pronta a contrastare le sue offensive. Verso la metà della seconda frazione di gioco, il toscano accorciava le distanze portandosi sul 2-1.

Giusto il tempo di esultare che, di nuovo l’aostano ristabiliva le distanze con un rete al termine di un’azione in velocità che lasciava immobile l’avversario. Nei pochi minuti finali, Filippo Filippella si limitava a controllare il risultato fino al termine dell’incontro che si aggiudicava con il punteggio di 3-1 conquistando per il secondo anno consecutivo il Genova Challenge ed il suo primo Torneo in carriera in un Grand Slam Categoria Subbuteo.

Un successo straordinario al termine di un torneo giocato alla perfezione in cui erano presenti tutti i migliori giocatori del Ranking Italia per la Categoria Subbuteo.

Per la cronaca il Tabellone Cadetti veniva vinto da Roberto Mazzucchi (CCT Roma) che superava Andrea Barbieri (SC Marassi Genova) con il punteggio di 4-1. Ancora sugli scudi l’ASD Calcio Tavolo Aosta, con Filippo Filippella che si conferma tra i Top Players della Categoria Subbuteo e con gli altri aostani che migliorano sempre di più stimolati dai successi Individuali e di Squadra. Può essere orgoglioso il Presidente Orlando Navarra (foto a lato), visti i risultati ottenuti in poco meno di un mese di attività nella stagione agonistica 2019-2020.

Adesso i rossoneri si concentrano sulla disciplina del Calcio Tavolo con l’imminente esordio della squadra al Torneo Nazionale Open di Casale Monferrato (AL).

info Asd Calcio tavolo Aosta

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore