/ NUOTO

NUOTO | 05 aprile 2023, 22:38

Nuoto: Corinne Désandré si supera, Tommaso Navaretta tradito dall'emozione

Si sono svolti allo Stadio del nuoto di Riccione, dal 31 marzo sino al 5 aprile, i Criteria di nuoto: si tratta dei Campionati giovanili di nuoto in vasca corta (da 25 metri), conclusione della stagione invernale per i giovani nuotatori italiani

Il tecnico Edoardo Giovannetti con Corinne Désandré davanti al Palazzo del nuoto di Riccione

Il tecnico Edoardo Giovannetti con Corinne Désandré davanti al Palazzo del nuoto di Riccione

Più di 1900 atleti provenienti da tutta Italia si sono guadagnati la partecipazione ai Campionati, tra questi anche due atleti dell’Aosta Nuoto: Corinne Désandré e Tommaso Navaretta. Entrambi alla prima partecipazione si sono misurati con i più forti atleti italiani di pari età. Corinne, anno 2010, ha gareggiato nei 100 m farfalla riuscendo a migliorare ancora il proprio personale, chiudendo in undicesima posizione con il tempo di 1.06.45. 

“Partecipare agli italiani è stata una nuova emozione che non dimenticherò mai, dove ho potuto ammirare tutti gli atleti di un certo livello mettendomi in gioco con essi. Mi auguro di ripetere questa fantastica esperienza, migliorando i miei risultati. Spero anche che qualcun'altro della squadra possa vivere questa emozionante avventura” ci ha detto Corinne di ritorno da Riccione.

Giovannetti con Tommaso Navarretta nell’impianto

Certamente l’emozione per Tommaso, anno 2008, è stata cattiva compagna nella gara dei 100 m rana dove ha peggiorato il proprio tempo di qualificazione giungendo trentesimo; il giorno seguente, però, Tommaso ha ritrovato lucidità e concentrazione migliorando nella gara dei 200 m rana con in tempo di 2.24.61 che gli ha permesso di chiudere al diciottesimo posto.

Bravissimi Corinne e Tommaso e il tecnico Edoardo Giovannetti per essere riusciti ad ottenere la difficile qualificazione che ha dato l'opportunità ai ragazzi di confrontarsi con i coetanei italiani. Coetanei che hanno strutture migliori, orari dedicati per gli allenamenti, palestre attigue; la Valle d’Aosta è l'unica regione italiana a non avere una vasca da 50 metri coperta, nessuna palestra attigua; le strutture presenti sono obsolete e datate: basti pensare che la piscina coperta di Aosta non è omologata per le gare di federazione e che tutte le gare sono in trasferta.

Chissà quali risultati potrebbero ottenere gli atleti dell’Aosta Nuoto se avessero a disposizione le stesse strutture che ci sono a un’ora soltanto da Aosta, Biella ad esempio che dispone di nuovo impianto da 50 m coperto che permette al movimento natatorio di crescere, svilupparsi e permettere a giovani talenti di emergere e potersi esprimere. 

lagu

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore