/ CALCIO

CALCIO | 10 marzo 2021, 10:30

Calcio: Prende quota il dibattito politico e sportivo sul futuro dello stadio Puchoz

Un gruppo di appassionati di calcio, insieme a Paolo Laurencet, si propongono di restituire il calcio allo stadio Puchoz

Calcio: Prende quota il dibattito politico e sportivo sul futuro dello stadio Puchoz

Il comune di Aosta nel 2019 aveva stanziato per opere di manutenzione straordinaria 389.000 euro a favore degli impianti sportivi gestiti dal comune di Aosta. Di questi, 60.000 euro sono stati destinati allo stadio Puchoz per la sostituzione delle tubazioni delle docce e dei sanitari, nonché ad altre manutenzioni.

Nella primavera del 2019 sono stati spesi 18.000 euro per l'installazione della rete di protezione che affaccia su via Garibaldi. Dopo aver speso questi soldi  inspiegabilmente la zona spogliatoi e spalti, appena rifatti, è stata ritenuta inaccessibile. Fino a quel momento lo stadio era utilizzato al mattino dalle scuole medie e superiori, mentre nel pomeriggio si allenavano i 200 ragazzi della scuola calcio CGC Aosta.

Inoltre, venivano disputate le partite della prima squadra, le partite di tutto il settore giovanile, e organizzati tornei amatoriali da parte di enti di promozione sportiva.

Nel 2020 la giunta comunale ha deciso di destinare lo stadio Puchoz ad altre attività sportive di base diverse dal calcio ed al "Baseball a 5", prevedendo con due colate di cemento di realizzare due campi per questa disciplina.

Chiediamo che il comune di Aosta si impegni a utilizzare i fondi già stanziati e a completare gli interventi di manutenzione straordinaria, soprattutto a restituire lo stadio Puchoz anche alla attività sportiva di base del calcio che conta oltre 500 praticanti nel solo comune di Aosta ricordando che lo stadio rappresenta la storia di tanti cittadini aostani e valdostani che hanno dato la possibilità a molte generazioni di fare sport ed identificarsi con la nostra città.

Restituire lo stadio al calcio darebbe la possibilità di occupare i giovani in attività sportive e allontanarli dalla strada.

Collaborano al progetto Paolo Laurencet, Luca Linzalone e Simone Venuti

PER FIRMARE LA PETIZIONE

red.pi.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore