/ CICLISMO

CICLISMO | 09 ottobre 2020, 18:41

Ciclismo: Brindisi per il tris di Démare. 51,234 km/h: è la media record per una tappa in linea del Giro

Terzo successo, secondo consecutivo, per il campione nazione francese. Almeida ancora in Maglia Rosa in una tappa caratterizzata dai ventagli

Ciclismo: Brindisi per il tris di Démare. 51,234 km/h: è la media record per una tappa in linea del Giro

Arnaud Démare (Groupama-FDJ) ha conquistato la sua terza vittoria al 103^ Giro d'Italia battendo Peter Sagan (Bora - Hansgrohe) e Michael Matthews (Team Sunweb) in una volata che ha concluso la tappa in linea più veloce di sempre della Corsa Rosa, alla velocità media di 51,234 km/h.
Nonostante il vento e i tanti ventagli che hanno caratterizzato la settima frazione non cambia la classifica generale: Joao Almeida (Deceuninck- Quick-Step) resta in Maglia Rosa per il quinto giorno consecutivo.

LE PILLOLE STATISTICHE

  • Con 51,234 km/h di media questa è stata la tappa in linea più veloce nella storia del Giro d’Italia. Il record precedente appartenva alla San Vito di Cadore-Vedelago del 2012 (49,429 km/h) vinta da Andrea Guardini.
  • Terza vittoria in questo Giro d’Italia per Arnaud Demare. L'unico corridore francese ad averne vinte di più nella stessa edizione è stato Bernard Hinault nel 1982 (4 successi).
  • Per la prima volta nella storia del Giro ci sono 3 vittorie francesi e 3 vittorie italiane nelle prime 7 frazioni. A queste due nazioni è sfuggito solo il successo di Caicedo (Ecuador) sull’Etna.
  • Terzo podio di tappa al Giro per Peter Sagan: tutti secondi posti (Agrigento, Villafranca Tirrena, Brindisi).

RISULTATO DI TAPPA
1 - Arnaud Démare (Groupama - FDJ) - 143 km in 2h47'28", media 51.234km/h
2 - Peter Sagan (Bora - Hansgrohe) s.t.
3 - Michael Matthews (Team Sunweb) s.t.

CLASSIFICA GENERALE
1 - João Almeida (Deceuninck - Quick-Step)
2 - Pello Bilbao (Bahrain - McLaren) a 43”
3 - Wilco Kelderman (Team Sunweb) a 48"

MAGLIEMaglia Rosa, leader della classifica generale, sponsorizzata da Enel - João Almeida (Deceuninck - Quick-Step)

  • Maglia Ciclamino, leader della classifica a punti, sponsorizzata da Segafredo Zanetti - Arnaud Démare (Groupama - FDJ)
  • Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Banca Mediolanum - Filippo Ganna (Team Ineos Grenadiers) 
  • Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, sponsorizzata da Eurospin - João Almeida (Deceuninck - Quick - Step), indossata domani da Harm Vanhoucke (Lotto Soudal)

DATI MONITORATI OGGI
I dati forniti da Velon raccontano la tappa attraverso dati dispositivi per il monitoraggio in tempo reale. I dati sono disponibili a questo link.

CONFERENZA STAMPA
Il vincitore di tappa Arnaud Démare: "È stata una volata vera e l'abbiamo vinta con autorità, grazie alla nostra forza collettiva. Guarnieri mi ha tenuto in posizione quando l'UAE Team Emirates ha cercato di mettere il suo treno davanti al nostro e poi mi ha lanciato alla perfezione. Il mio compagno di squadra Sinkeldam ha avuto un problema meccanico all'ultimo chilometro e ci sono voluti solo 200 metri per riorganizzarci con Scotson che ha preso il suo posto. Anche Konovalovas ha svolto una parte fondamentale nel finale nonostante l'enorme lavoro fatto già in precedenza. Una volata gomito a gomito con i migliori sprinters al termine di una tappa velocissima. Che bello correre e vincere così!".



La Maglia Rosa João Almeida“È stata una frazione veramente veloce. Ci sono stati vari ventagli ma per fortuna ho una squadra forte ed esperta per queste situazioni. Devo dire grazie anche a corridori come Keisse per il costante aiuto e supporto. La parte finale della tappa è stata ancora più veloce, ho cercato di correre davanti per evitare rischi".



LA TAPPA DI DOMANI

Tappa 8 - GIOVINAZZO-VIESTE (Gargano) - 200km

Tappa mista con la prima parte sostanzialmente pianeggiante seguita dalla seconda molto più impegnativa sul Gargano. Da Giovinazzo fino a Manfredonia la corsa si mantiene su strade rettilinee lungo la costa adriatica. Dopo Manfredonia l’altimetria cambia nettamente, si scala la salita di Monte Sant’Angelo e, quindi, si percorre l’intera panoramica in un continuo saliscendi costellato da innumerevoli curve fino a Vieste.
Ultimi KM
Circuito finale di 14.5 km con nella prima parte l’impegnativo strappo di via Saragat di circa 1 km, con un lungo tratto attorno al 15-17% seguito da un lungo falsopiano a scendere fino a ritornare sulla costa per percorrere gli ultimi 2 km pianeggianti fino all’arrivo. Rettilineo finale di 1000 m su asfalto (largh. 7.5 m).

red. pi.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore