/ BOCCE

BOCCE | 01 maggio 2020, 10:59

Bocce: Amilcare Giopp pronto alla ripartenza 'ma prima di tutto conta la salute'

RESTIAMO A CASA - Il presidente della B.V. Helvetia , 'confidiamo nell'erogazione del saldo del contributo regionale per l'alto livello, ossigeno fondamentale per la continuazione delle attività'

Amilcare Giopp (secondo da sn) con la vittoriosa formazione dell'Under 18 Campione d'Italia nel 2018

Amilcare Giopp (secondo da sn) con la vittoriosa formazione dell'Under 18 Campione d'Italia nel 2018

Una 'scuola di bocce' che da 20 nel 2017 è passata lo scorso anno a 40 ragazzini, di cui oltre una decina sono già a buon livello; due squadre in campionato A2 maschile e femminile e cinque giovani giocatori in maglia azzurra.  Questo il ritratto tecnico di Amilcare Giopp, presidente della società bocciofila Bassa Valle Helvetia e instancabile promotore del gioco delle bocce tra i giovanissimi.

Ed è proprio lo stop forzato delle attività sportive per i più piccoli causa le norme di contenimento coronavirus, a preoccuare il patron dell'Helvetia, che però al primo posto mette sempre e comunque la saluta pubblica: "Da lunedì 4 maggio gli atleti azzurri e di alto livello potranno riprendere gli allenamenti - spiega Giopp - non così i nostri ragazzini che dovranno aspettare almeno fino al 18 maggio o comunque sino a quando avremo disposizioni governative sicure. In ogni caso prevedo di riprendere e continuare per diversi mesi gli allenamenti con gruppi di quattro o cinque giocatori, non di più. Penso che che gli 'assembramenti' da quindici atleti alla volta ce li dovremo scordare per un bel pò di tempo ma anche se questo dispiace non dimentichiamo che la salute dei nostri ragazzi e dei loro familiari viene prima di tutto. Combattiamo un avversario fuori dal campo e dobbiamo essere seri e consapevoli dell'importanza di questa lotta".

La ripresa dell'attività averrà all'inizio "con l'assistenza di un medico, anche per avere pronte nozioni primarie di prevenzione virale; e poi avremo mascherine, guanti e altre possibili protezioni. Riprendemo con attività all'aperto ovviamente, non al chiuso nel bocciodromo". Potranno invece riprendere training anche in bocciodromo gli azzurrini di Giopp ovvero Matteo Golfetto, Mattia e Gaia Falconieri, Gaia Gamba Gaia ed Elisa Bulla, nel rispetto delle distanze e con un'assistenza tecnico-sanitaria continua, anche in vista della ripresa dei campionati.

"Alla fine della stagione di A2 maschile e femminile mancano solo due giornate - ricorda il presidente dell'Helvetia - e con il posticipo di fine campionati al 31 dicembre il presidente della Fib, De Santis, ha assicurato il massimo impegno per terminarli. Questa ipotesi mi rincuora perchè è il primo, atteso, segnale di ritorno alla normalità".

Ma Amilcare Giopp attende la chiusura dei campionati anche per un altro, importante motivo: "Spero che anche qualora i Campionati di Alto Livello non vengano terminati, possano venir ugualmente erogati i saldi del contributo. Quel denaro è per noi ossigeno per l'organizzazione dei tesseramenti e della prossima stagione; confido che entro l'annno si possano giocare le ultime due giornate".

red. spr.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore