/ SPORT INTEGRATO

SPORT INTEGRATO | 10 aprile 2020, 15:07

Primi interventi della Fise a sostegno della associazioni

RESTIAMO A CASA - Il Comitato Fise Valle d’Aosta, a seguito di una riunione svolta nei giorni scorsi in videoconferenza con la Consulta, informa che è stato stabilito che ogni comitato regionale, attingendo dal proprio bilancio possa destinare un aiuto alle associazioni del territorio purché abbiano rinnovato l’affiliazione o aggregazione.

Giovanna Rabbia Piccolo r il presidente nazionale Fise Di Paola

Giovanna Rabbia Piccolo r il presidente nazionale Fise Di Paola

I contributi saranno reperiti in base alle attività che non potranno essere svolte, visto la situazione contingente, in primo luogo tutti sono stati concordi nel dire che non si effettuerà la serata del Gala dei cavalieri e di conseguenza non si dovranno acquistare i relativi premi, anche i campionati regionali saranno difficilmente organizzati poiché non si può sapere quando terminerà l’emergenza Coronavirus.

La Fise Valle d’Aosta ha richiesto di poter stabilire un contributo uguale a tutti i centri sul territorio, che al momento sarà di € 500.

La presidente del Comitato, Giovanna Rabbia Piccolo precisa inoltre  “Questa soluzione mi è sembrata equa poiché le nostre associazioni sono piccole e quasi tutte con le stesse problematiche. Se la situazione dovrà perdurare potremo valutare se sarà possibile ricavare ancora qualcosa da altri capitoli di spesa dove si potrà  risparmiare, come per esempio le trasferte per le riunioni, oppure la partecipazione alle Ponyadi, che probabilmente non potranno essere organizzate”.

“La FISE nazionale - continua Giovanna Rabbia Piccolo - al momento non può intervenire con contributi poiché sono diminuite in modo drastico le entrate e non può utilizzare quanto destinato alla partecipazione alle Olimpiadi, poiché probabilmente  dovrà accantonarle per il 2021.

Comunque il Presidente Di Paola si sta adoperando presso il CONI ed il governo  affinché intervengano  con dei provvedimenti in soccorso al nostro settore, in primo luogo si chiede che le nostre associazioni possano subito attingere ad un credito agevolato a lunga restituzione, speriamo che qualcosa succeda presto poiché la situazione è veramente grave”.

red. spr. - fise

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore