| domenica 23 aprile 2017 23:38

| lunedì 20 marzo 2017, 15:45

Calcio: Eccellenza, PDHA vola verso alta classifica, lo Charva tenta il tutto per tutto

Roberto Cretaz ha ancora carte da giocare

Quando mancano ancora sei giornate per chiudere la regular saison, il 28esimo turno del campionato di Eccellenza girone A disputato domenica 19 marzo, tutto sommato si è chiuso con un bilancio positivo per le tre formazioni valdostane.

 

D’accordo che l’Aygreville, con un po’ di rammarico, ha terminato a reti inviolate l’impegno casalingo, dividendo la posta con la Biellese, mentre lo Charvensod pareggiando in dirittura d’arrivo sull’insidioso campo di Pavarolo contro la più diretta concorrente per giocarsi la salvezza, può comunque tenere ancora accesa la fiammella della speranza.

Però meglio d loro, ha fatto il PontDonnazHoneArnad, che a Baveno ha ottenuto il terzo successo consecutivo che praticamente gli consente di mettere in cassaforte con un buon anticipo l’attesa salvezza, nonostante che mister Roberto Cretaz rimanga con i piedi per terra e già sabato prossimo, nell’anticipo pre serale delle ore 18 contro lo Stresa che si giocherà al Crestella di Donnas, chiederà alla sua squadra un ultimo sforzo per avere in tasca la matematica certezza di ciò che ha attenuto con una buona conduzione tecnica.

Tornando alla gara vinta domenica sul campo sintetico di Baveno al termine di una partita non certo avvincente e giocata su ritmi blandi, c’è da dire che gli ospiti valdostani del PDHA si sono comunque confermati veri maestri nell’attuare il contropiede e dopo aver cercato con più insistenza la via del gol, lo hanno trovato quando la partita era giunta ai titoli di coda e sembrava finita da un pezzo visto l’atteggiamento di attesa che mostravano i ventidue giocatori in campo.

Un match che metteva di fronte due squadre che durante la stagione per vari motivi hanno sempre stentato a decollare in modo definitivo e che prima del fischio d’inizio, in classifica con 39 punti erano in perfetta parità, che è stato deciso da un calcio di rigore, molto contestato dalla formazione di casa, assegnato dal direttore di gara dopo un’uscita giudicata maldestra del portiere del Baveno Chiodi ai danni del neo entrato Gherard Bosonin, che Rocco Garbini realizzava con grande freddezza, spiazzando il portiere.

Per Garbini, si tratta dell’undicesima marcatura stagionale e come a Trino e contro il Borgovercelli nei due precedenti incontri, le sue ultime tre reti, hanno dato altrettanti importanti successi (tutte con il risultato di 1 a 0) agli orange della Bassa Valle , che proprio in questo finale di stagione stanno dando il meglio delle loro possbiilità e si sono rilanciati con la possibilità di regalare alla società del presidente Jean Pierre Calliera e ai tifosi altre inaspettate soddisfazioni.

 

Anche tra colline piemontesi di Pavarolo, sul piccolo e infossato campo sportivo del comune nelle vicinanze di Chieri, lo scontro diretto tra due compagini pericolanti che vogliono evitare la retrocessione diretta e giocarsi la permanenza in Eccellenza almeno ai play out, ha vissuto i momenti più palpitanti nelle fasi finali della partita tra il Pavarolo e lo Charvensod che si è conclusa in un giusto pareggio per 1 a 1.

La squadra allenata da Claudio Fermanelli era partita meglio dai blocchi, tanto che con Caputo colpiva una traversa. Purtroppo però, dopo un quarto d’ora dall’inizio, pagava già a caro prezzo l’unico errore difensivo quando D’Alessandro, bomber dei locali, veniva letteralmente dimenticato dai difensori valdostani e non aveva difficoltà a mettere alle spalle dell’incolpevole Vescio, il lungo traversone di Crepaldi.

Subito il gol, lo Charva andava un po’ in confusione e in un paio di circostanze, era bravo e decisivo il giovane portiere Vescio, autore di due prodezze, a mantenerlo in partita.

Mister Fermanelli allora rimescolava le carte, e nella ripresa la sua squadra rientrava in campo con ritrovata determinazione, anche se l’espulsione rimediata dopo circa venti minuti dal generoso ma ingenuo Vuillermoz, rischiava di nuovamente complicare la situazione.

Tuttavia, l’allenatore Fermanelli aveva ancora un’ultima carta da giocare, ed era proprio il giovane Didier Daricou, entrato in campo nell’ultimo quarto d’ora di gara al posto di Andrea Caputo, che era molto bravo a correggere di giustezza in rete una punizione di Fabio Cusano e proprio al novantesimo, realizzava il gol del pareggio che considerando i risultati di giornata per lo Charvensod non chiude la possibilità di salvezza. A patto però, che domenica prossima 26 marzo, Gabriele Decollo e compagni, ripetano la buona prestazione fornita a Pavarolo e facciano un sol boccone del Borgomanero, ultima in classifica, nella gara casalinga che si giocherò al Guido Saba.

 

E’ invece terminato senza vinti e nessun vincitore la sfida di alta classifica tra Aygreville e Biellese. Un pareggio senza rei, tutto sommato giusto, al termine di novanta minuti (+ 4 di recupero finale), dove le due squadre si sono praticamente annullate, hanno offerto poco spettacolo e quasi nessuna emozione.

Nonostante la formazione di casa allenata da Alberto Rizzo, abbia costantemente mantenuto il possesso palla e la buona spinta del solito Alex Noro, l’illuminata regia di Baldi e la continua spinta del bravo e giovane terzino esterno Risso, sono state poche le conclusioni degne di merito. Quando poi in un paio di occasioni, create da Baldi e da Turato, entrato al posto dell’evanescente Carpentieri, l’Aygreville ha fatto breccia nell’attenta difesa ospite è stato bravo il portiere Goio (ex Charvensod) a sventare i pericoli.

Un pareggio che, se obiettivamente rende più difficile la rincorsa ai play off della Biellese di Roano, che è settima in classifica con 42 punti al pari del PDHA (con 4 punti di distacco dall’Alpignano e dalla rete degli spareggi), nulla da e niente toglie nulla alle Aquile rispetto la settimana scorsa.

Infatti Gini e soci, con 48 punti mantengono stretta la quarta posizione in graduatoria e per ora hanno la certezza di disputare i play off che sono l’obiettivo rincorso per l’intera stagione. Domenica prossima però, capitan Marchesano e compagni giocheranno in trasferta a Domodossola dove proveranno di rendere dura la vita alla capolista Juventus Domo, che all’andata sì impose per 1 a 0 al Rini di Villeneuve

Gli ossolani, pur mantenendo un vantaggio in classifica di nove punta sul Borgovercelli, che è la più immediata inseguitrice, sono reduci di due consecutive sconfitte e sembrano aver perso qualche certezza.. Anche per questo motivo, l’Aygreville può giocarsela e sperare di portare a casa qualcosa.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

corner

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore