/ SPORT INTEGRATO

SPORT INTEGRATO | 17 ottobre 2019, 21:00

Para rafting: Grandi risultati per gli azzurri ai Mondiali di Kiev

Ed è solo l'inizioha dichiaro Danilo Barmaz (al centro nella classica foto di gruppo al termine delle gare) presidente della World Rafting Federation (e della Federazione Italiana Rafting) . "Questi atleti sono l'esempio di ciò che significa “andare sempre avanti”.

Para rafting: Grandi risultati per gli azzurri ai Mondiali di Kiev

Conclusi a Kiev, capitale dell’Ucraina con la gara RX la prima edizione del Para Rafting World Championship. L’equipaggio composto dal nostro atleta Salvatore Cutaia e da Iarysh Denis, Potanin Viktor (Russia)e Igor Bondar (Ucraina) ha confermato il primo posto nella categoria Amputati: i 120 punti nella RX hanno garantito loro la vittoria nella finale contro il team composto da nostri Massimo Giandinoto, Marco Montagna, Riccardo Novella e Rosario Sperandini. Massimo Giandinoto e Rosario Sperandini sono tesserati per l’A.S.D. Anatre di Fiume di Aymavilles.

La finale B della categoria Open RX è stata vinta dall’equipaggio composto da Dmitry Plotnikov (Russia), Andjela Pavlovic e Marina Ivanovic (Serbia) e Gled Bedokurov (Ucraina). La finale A ha confermato i risultati complessivi: oro per Oleg Romanenko, Denis Konovalov, Andrei Galdin (Russia) e Yuriy Chemeris (Ucraina); argento per Eduard Burakov (Russia), Marco Ivanovic, Milos Ilic (Serbia) e Illy Markovsky (Ucraina).

L’equipaggio composto dai nostri Massimo Giandinoto e Rosario Sperandini assieme ai russi Denis Konovalov e Andrei Galdin Andrei sono i campioni assoluti della categoria Mix, vincendo in tutte e tre le discipline. Le uniche due ragazze della competizione, le serbe Andjela Pavlovic e Marina Ivanovic con i russi Denis Iarysh e Viktor Potanin sono sul secondo gradino del podio (RX e complessivo).

Il bronzo RX ha confermato il terzo posto assoluto per l’equipaggio composto da Riccardo Novella Riccardo e Marco Montagna assieme ai serbi Marco Ivanovic e Milos Ilic che hanno vinto la finale B contro Salvatore Cutaia, Bondar Igor, Illy Markovsky e Gleb Bedokurov tutti e tre atleti dell’Ucraina. La maggior parte degli atleti che hanno partecipato al primo Para Rafting World Championship sono impegnati anche in altri sport.

"Ho subito l’amputazione del piede sinistro che avevo nove anni", ha spiegato Massimo Giandinoto, vincitore della categoria Mix "e da allora ho considerato ogni giorno della mia vita come una sfida. A 26 anni ho iniziato a correre e riempirmi le giornate con lo sport (Massimo gareggia sui 100 e i 200 metri) tre, poi quattro, quindi cinque giorni a settimana fino a quando, allenandomi ogni giorno, ho vinto il titolo italiano sui 60 e i 200 metri. Prima ho provato il rafting per divertimento ma poi è successo lo stesso: indossare la maglia della nazionale è un sogno diventato realtà. Farlo con una squadra è qualcosa di unico, pagaiare insieme nella stessa barca è impagabile!".

"Ed è solo l'inizio" ha dichiaro Danilo Barmaz (al centro nella classica foto di gruppo al termine delle gare) presidente della World Rafting Federation (e della Federazione Italiana Rafting) . "Questi atleti sono l'esempio di ciò che significa “andare sempre avanti”. Voglio fare un caloroso ringraziamento a tutte le persone che hanno pagaiato sul Dnepr ed hanno fatto parte di questa storica gara, diretto dai giudici russo Vladmir Petukhov e dal vicepresidente della WRF Boris Purjakov ".

“È sicuramente l'inizio per la squadra dei non udenti della Serba”, ha detto Andjela Pavlovic. "Lo scorso luglio abbiamo pagaiato per la prima volta in un fiume. Ci siamo allenati per due mesi e abbiamo gareggiato a Zubin Potok alla World Cup. E siamo contenti dei risultati qui. Siamo una squadra di pallavolo e partecipiamo spesso a tornei internazionali. Ora ci stiamo allenando per una partita in Polonia il 26 ottobre, ma non vediamo l'ora di vedere cosa ci mostrerà il rafting".

Prossimo evento delle World Rafting Federation i campionati nazionali in Cile. Per la Federazione Italiana Rafting l'appuntamento è invece per domenica 20 ottobre a Pescantina (Verona) per l'Adige Marathon. In palio il titolo italiano di Maratona. (Fonte F.I.Raft)

red. spr.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore