ALTRI SPORT | martedì 20 agosto 2019 12:20

ALTRI SPORT | 21 giugno 2019, 10:31

Pesca: Nel Marmore la prima prova campionato valdostano No Kill

Pesca: Nel Marmore la prima prova campionato valdostano No Kill

Una trentina di pescatori dei tre sodalizi attivi in Valle per la specialità No kill partecipano domenica prossima alla prima prova del campionato valdostano. La gara è organizzata dal Team Sayot Fly Tiers di Pont Saint Martin.

Il tratto di torrente, che è stato chiuso dal Consorzio Pesca, va dal ponte a valle del ‘Camping Cervino’ fino al ponte per Filey, in Comune di Antey-Saint-André. Il campionato valdostano è articolato in due prove.

I primi due classificati parteciperanno al campionato interregionale che precede la prova per il Campionato italiano al quale sono ammessi i vincitori della selezione zonale.

Pesca sportiva e tecnica del no-kill

La pesca sportiva è uno sport che può essere praticato sia in corsi d'acqua dolce che in mare. È molto diffusa in diverse regioni italiane attraverso circoli di appassionati. Il vero pescatore sportivo è rispettoso delle leggi che regolano la sua disciplina (misure minime, divieti di pesca, pesci in pericolo estinzione, etc.) e della natura stessa. Per molti pescatori sportivi, in effetti, gioca un ruolo fondamentale l'ambiente di pesca, a volte più della quantità di pescato.
Esistono degli accorgimenti nelle varie tecniche di pesca sportiva che permettono di selezionare in anticipo le prede da catturare evitando catture indiscriminate e prede sottomisura (ad esempio la misura degli ami, il tipo di esca...).

Comunque il pescatore sportivo non trae profitto economico dalla pesca e non cattura prede di cui poi non si ciba, integrandosi, quindi, nella catena alimentare che lega tutti gli esseri viventi. Una filosofia di pesca diffusasi da pochi anni è il No-<wbr></wbr>kill (o Catch and Release -<wbr></wbr> letteralmente "Prendi e Rilascia")  che svincola definitivamente la pesca sportiva dalla sua anziana parente commerciale e "nutrizionale".

La pratica del "Catch and Release", è particolarmente diffusa nelle tecniche di pesca a mosca, spinning e carp fishing, e adotta una serie di regole precise per recare il minor danno possibile al pesce catturato: utilizzare ami singoli senza ardiglione, bagnare le mani prima di toccare il pesce per liberarlo, maneggiare comunque il pesce il meno possibile.


red. spr.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore