SPORT INVERNALI | mercoledì 23 gennaio 2019 19:38

SPORT INVERNALI | 13 gennaio 2019, 19:23

Sci nordico: La sfortuna perseguita Pellegrino che cade in rimonta

Sci nordico: La sfortuna perseguita Pellegrino che cade in rimonta

L'Italia lascia Dresda senza podi. Federico Pellegrino cade all'ingresso del rettilineo conclusivo nella finale della team sprint e per gli azzurri sfuma la possibilità di un podio, obiettivo della vigilia. Anche restando in piedi, in ogni caso, sarebbe stata dura entrare tra i primi tre per il campione valdostano: Dietmar Noeckler gli aveva lasciato il testimone all'ultimo giro in ottima posizione, praticamente davanti a tutti, poi Pellegrino, reduce dalla squalifica del giorno precedente nella gara individuale, è stato risucchiato nella pancia del gruppo ed è rimasto chiuso. Nel tentativo di trovare spazio e di accelerare per provare una rimonta clamorosa, ha perso l'equilibrio. Poi si è rialzato classificandosi al decimo posto. 

Il successo è andato così a Norvegia I, con Erik Valnes e Sinder Skar, con quest'ultimo che ha bissato il rionfo del giorno precedente battendo il connazionale Erik Brandsdal nella volata finale. Sul podio è salito anche la Russia con Artem Maltsev e Retivykh. Si era fermata in semifinale, invece l'altra squadra italiana composta da Enrico Nizzi e Stefan Zelger che avevano chiueso ottavi la propria batteria. La settimana prossima Federico Pellegrino proverà a rifarsi nella sprint a tecnica classica di Otepää.

Ordine d'arrivo team sprint maschile Dresda (Ger)
1. NORVEGIA I (VALNES Erik/SKAR Sindre) 22:38.72
2. NORVEGIA II (GOLBERG Paal/BRANDSDAL Eirik) +0.75
3. RUSSIA I (MALTSEV Arem/RETIVYKH Gleb) +0.80
4. SVIZZERA I +1.01
5. RUSSIA II +1.04
6. GRAN BRETAGNA +3.17
7. FRANCIA I +4.73
8. SVEZIA I +4.90
9. AUSTRIA I +13.73
10. ITALIA I (NOECKLER Dietmar/PELLEGRINO Federico) +28.92

16. ITALIA II (NIZZI Enrico/ZELGER Stefan) eliminati in semifinale

red. spr.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore