SPORT GHIACCIO | venerdì 25 maggio 2018 05:10

SPORT GHIACCIO | lunedì 12 febbraio 2018, 15:00

Hockey: Per i Gladiators Under 13 una sconfitta che non pregiudica il futuro

La formazione Under 17 nell'amichevole con l'Okanagan

Under 17, Campionato nazionale maschile

Asiago Junior 1935 – HC Aosta Gladiators 5-2 (2-1, 1-0, 2-1)

HC Aosta Gladiators: Simone Comiotto, Nicolò Fanelli, Giorgio Cosentino, Mattia Cicchetti, Marco Olivo, Nicolò Borio, Fabio Pietromica, Daniele Doriguzzi, Tommaso Rossi, Tommaso Luche, Nicolò Pellegrini, Niccolo' Iannuzzi, Edoardo Tappella, Roberto Biccu, Paolo Gisonna, Kevin Paillex. Coach: Luca Giovinazzo. Marcatori: Edoardo Tappella, Kevin Paillex.

Nell'impegnativa trasferta di Asiago, che il destino ha fatto diventare una sorta di “ritorno” della recente sfida aostana contro i veneti, i Gladiators, bissando la prestazione interessante vista in corso Lancieri, tengono i giochi aperti per quasi due drittel, limitando gli avversari ad uno stretto vantaggio per 2-1. Sulla sirena del secondo arriva una pesante terza rete di Asiago e nel terzo, purtroppo, in due minuti i padroni di casa vanno a segno altrettante volte, una oltretutto con i nostri in superiorità. Provarci è imperativo, ma ce n'è soltanto più per un goal firmato Gladiators. E' il 5-2 finale. I nostri sono terzi nella classifica del “Qualification round” con 24 punti e recuperare il Valpellice, secondo a 34, è ormai fuori portata. Per i ragazzi di Giovinazzo restano infatti solo più due partite nel girone: sabato 17 contro Valdifiemme e sabato 24 febbraio contro Gardena, che ci insegue, con soli tre punti di distacco.Per la U17, all'orizzonte, ci sono due fine-settimana di trasferte al cardiopalma.

Under 9, Raggruppamento di categoria

HC Aosta Gladiators: David Cout, Giulio Pititto, Simone Giuliani, Etienne Bredy, Daniel De Martino, Andrea Giacometto, Simone Minniti, Stefano Terranova. Coach: Davide Baraldi.

In un week-end poco sorridente per i Gladiatori, i “piccoli” della U9 (foto) portano un raggio di sole. Al raggruppamento di Torino, la stella dei nostri brilla. I ragazzi di Baraldi si sono imposti in tutte le sfide. Distacchi contenuti contro le prime della classe, come Bulls “A” e Valpellice. Danze sfrenate, segnando fino a quasi trenta reti, nei match con le squadre dal maggior divario. Al di là dei risultati, l'importante è comunque, per bambini che non hanno ancora nove anni, prendere sempre più le misure del ghiaccio, delle regole e degli sfidanti, senza dimenticare un aspetto fondamentale: divertirsi. A guardare il tabellone, sembra che i “baby” Gladiators si stiano applicando davvero molto sulla lezione. Bravi!

Under 13

HC Aosta Gladiators – Torino Bulls 2-6 (0-2, 1-2, 1-2) HC Aosta Gladiators: Benjamin Jordaney, Sebastiano Madaschi, Mattia Agazzini, Alessia Terranova, Marta Mazzocchi, Matteo Giacometto, Alessandro Giuseppe Minniti, Luca Reale, Simone Cosentino, Alessandro Pica, Alessandro De Santi, Mattia Lenta, Loris Mattioli, Julien Diemoz, Edoardo Muraro, Gabriel Montini, Matteo Mazzocchi, Marco Cosentino, Giorgio Blanchet, Michel Campier, Brendon Dedja. Coach: Luca Giovinazzo / Lorenzo Olivo. Marcatori: Matteo Giacometto, Alessandro Pica.

Si diceva che questa giornata, l'ultima del girone, avrebbe deciso le posizioni di testa dell'interregionale Lombardia/Piemonte/Valle d'Aosta di Under 13. Era vero, anche se non è finita come auspicato dai Gladiators. Dal contendere la prima piazza a Valpellice, che rappresentava l'obiettivo, i ragazzi di Giovinazzo e Olivo hanno chiuso al terzo posto a 40 punti, vincendo ben 13 delle 16 partite disputate, perdendone due e con una chiusa ai regolamentari in pareggio. La sconfitta incassata oggi dai nostri ha proiettato primi i Bulls, a pari punti con la Valpe (43), ma messi meglio come differenza reti. Nella partita andata in scena in corso Lancieri, i piemontesi non hanno sfoggiato un hockey dei più eleganti o tecnici, ma sono riusciti a far leva sull'eccesso di tensione dei valdostani per la sfida odierna, controllando il gioco e capitalizzando inoltre un vantaggio di due reti accumulato nella prima frazione, diventate tre subito all'inizio della seconda. Un bottino che i nostri sono riusciti a scalfire solo a metà del drittel.

La rimonta però non è decollata e i Bulls hanno segnato ancora una volta, prima di tornare negli spogliatoi. Un goal dei Gladiatori arrivato all'inizio del terzo periodo sembrava poter riaprire la gara, ma i piemontesi hanno rintuzzato nuovamente poco dopo, per poi raggiungere quota 6 con un tiro dalla distanza, frutto di un disco intercettato ai valdostani durante il disperato tentativo, operato a due minuti e trenta dalla fine da coach Giovinazzo, di ritirare goalie Montini, schierando sei uomini di movimento. E' una battaglia persa, ma la guerra resta aperta, perché la terza piazza significa comunque accedere agli ottavi della fase finale nazionale. La strada è più in salita, perché così i nostri dovranno vedersela con la prima e la seconda classificate degli altri due gironi di Alto Adige, Trentino e Veneto (vincendo, avremmo incontrato compagini piazzate meno bene nelle rispettive classifiche). In soldoni, significa che tra due sabati a Renon (Bolzano), i nostri incontreranno Renon ed Appiano. Passeranno due squadre su tre. Attenzione, è quando tutto sembra crollare che si vede la tempra di un Gladiatore.

Under 17, Incontro amichevole

HC Aosta Gladiators – Okanagan Hockey School 2-4 (0-0, 1-1, 1-3)

HC Aosta Gladiators: Nicolò Iannuzzi, Francesco Doriguzzi, Nicolò Fanelli, Tommaso Luche, Gianmarco Freydoz, Tommaso Rossi, Simone Comiotto, Marco Olivo, Nicolò Pellegrini, Paolo Gisonna, Kevin Paillex, Roberto Biccu, Fabio Pietromica, Davide Gerbi, Philippe Charles, Giorgio Cosentino, Samuel La Rocca. Coach: Luca Giovinazzo. Marcatori: Nicolò Pellegrini, Paolo Gisonna.

L'Okanagan Hockey School è un college nato in Canada, con sedi anche in alcune nazioni europee. Una sua squadra si trova “in tour” nel nostro continente e l'occasione era propizia per un'amichevole. Sono ragazzi che crescono a pane ed hockey e lo si è visto, oltre che dall'aspetto fisico, dall'impostazione molto agonistica e veloce (ma, nell'insieme, davvero corretta) che hanno impartito al match. I Gladiatori, però, non si sono lasciati intimorire e, dopo due drittel in parità (il primo a reti inviolate e il secondo con una marcatura per parte), hanno visto le loro speranze infrangersi solo nelle ultime battute del terzo.

Al termine di una partita bella e combattuta, il 4-2 (che, di fatto, significa un 3-2, considerando che l'ultima rete avversaria è nata durante gli ultimi secondi di gara, senza goalie, con sei uomini di movimento sul ghiaccio) fa comunque ben figurare la nostra U17, che ha mostrato come la crescita di questi anni, sul piano tecnico, sia concreta e le consenta ormai di scendere sul ghiaccio anche con team che arrivano da tradizioni hockeystiche più blasonate dalla nostra.

info gladiators

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore